KOKORO

SHIATSU & FOCUSING

RISORSE PER UN EQUILIBRIO NATURALE

Seiza la posizione seduta tradizionale Giapponese

Seiza è il modo tradizionale giapponese di sedersi a terra,  poggiando le ginocchia sul tatami o zabuton (cuscino tradizionale giapponese).

Ogni occidentale che abbia seguito pratiche come l’Aikido, il Kendo, la meditazione Zen, l’Ikebana, lo Shodo, la cerimonia del tè, lo Shiatsu, ha scoperto quanto sia doloroso inizialmente sedersi in questa posizione. A volte rappresenta un vero scoglio per la pratica della disciplina intrapresa.

Come molti degli aspetti della cultura giapponese, un gesto semplice ed essenziale racchiude significati profondi, che collegano il dettaglio all’infinito, la quieta all’azione, il vuoto al sacro.

Origini della posizione Seiza

正座

L’ideogramma di Seiza significa “sedere correttamente”. Originariamente l’ideogramma indicato per sedersi era

il cui significato indica due persone sedute l’una di fronte all’altra a terra.

L’abitudine di sedersi a terra ha radici lontane nella cultura giapponese. Nelle giornate piovose, quando la posizione a terra era impraticabile, le persone si riposavano accovacciandosi sulle gambe.

La posizione Seiza è una delle posizioni sedute presenti nella tradizione Giapponese, infatti oltre al Seiza, esiste ad esempio la posizione Agura (all’indiana, cioè a gambe incrociate) o la posizione Kikyo, una delle prime posizioni che assumo i bambini: seduti a terra, con le gambe distese davanti a sé.

Fin dall’antichità in Giappone, la posizione Seiza è stata adottata durante la preghiera, le cerimonie. Sedersi in Seiza significa mostrare rispetto.

Tradizionalmente i maestri siedono in Agura, i praticanti in Seiza. Sedere in questa posizione non solo è una forma di riguardo e umiltà, ma anche un modo per tenersi pronti ad alzarsi al comando del proprio Sensei.

Il Seiza racchiude quindi i valori della sacralità, del rispetto, la conciliazione di stasi e movimento.

È una posizione centrale nella cerimonia del tè.

Questo modo di sedersi a terra, si lega molto anche alla cultura Zen, infatti inizialmente il tè veniva offerto come corroborante dopo la meditazione.

La nascita del termine Seiza e la pratica del Seiza-ho di Torajiro Okada

Seppure questo modo di sedersi sia stato da sempre presente nella cultura nipponica, il termine compare solo nel 1889 nel dizionario Giapponese. Sembra che la parola debba essere attribuita a Torajiro Okada (1872-1920) e alla sua pratica di coltivazione personale chiamata Seiza-Ho.

Poco si conosce della vita di Torajiro Okada, non ha lasciato insegnamenti scritti, perché bruciò i suoi diari prima della sua morte.

All’età di 14 anni, mentre sedeva in un campo di riso e osservava il tramonto, ebbe la sua illuminazione personale. Successivamente si dedicò alla formazione spirituale praticando lo Zazen. Okada era una persona semplice, visse un momento storico in cui ogni ambito tradizionale della vita e dello spirito giapponese fu toccato dall’incalzante occidentalizzazione. Erano anche gli anni in cui il Giappone era sconvolto da epidemie di colera e tubercolosi, dai casi di una malattia fino ad allora sconosciuta, chiamata nevrastenia. In questo momento tumultuoso per l’identità del Giappone Okada diffonde la pratica del Seiza-ho.

Nel 1918 sono più di 20.000 le persone che praticano il Seiza-ho. Okada non impartisce insegnamenti a chi lo segue, eventualmente corregge la postura. Si racconta che diverse persone guarirono i propri mali, semplicemente praticando il Seiza-ho intensivamente in sua presenza.

È con Okada che il termine Seiza si arricchisce di un nuovo significato, “sedersi in tranquillità”.

静坐

ll metodo Okada è semplice ed esperienziale. Consiste esclusivamente nel sedersi e respirare in modo corretto. Il metodo non nasce da nessuna teoria religiosa o filosofica, è il frutto naturale di una tradizione per la quale Seiza, non necessitava di spiegazione.

Il Seiza-ho nella sua semplicità, è più essenziale dello Zen.

Rientra tra i metodi di cura e coltivazione di sé che si diffondono a partire dal periodo Meïji e Taïsho, che fioriscono dal sapere tradizionale, in contrapposizione al fenomeno dell’occidentalizzazione.

Come sedersi in Seiza

Per sedersi in Seiza, si appoggia per primo il ginocchio sinistro a terra.

Le ginocchia sono a due pugni di distanza l’una dall’altra per gli uomini, a un pugno di distanza per le donne.

I glutei poggiano sui talloni. È utile immaginare che tra i glutei e i talloni ci sia un filo d’aria. Questa visualizzazione aiuta a non schiacciare troppo il peso sui polpacci.

Le caviglie sono leggermente ruotate verso l’esterno, quasi a formare una V. L’alluce sinistro si sovrappone al destro.

La parte lombare della schiena è ben dritta, ma non rigida. Le spalle sono naturalmente rilassate. La testa è leggermente inclinata in avanti, i lobi delle orecchie allineate alle spalle. Il mento leggermente rientrante.

Il plesso solare è rilassato e lo sterno punta leggermente verso il centro del corpo, quasi a formare un triangolo tra ginocchia, perineo e sterno.

La posizione delle mani varia a seconda che si tratti di una pratica marziale oppure di un momento di meditazione.

Le mani sono in generale rilassate, ed essere poggiate tra le ginocchia e l’anca, oppure la mano sinistra poggia sulla destra e i due pollici si toccano, o ancora la mano sinistra afferra delicatamente il pollice della mano destra.

L’attenzione è indirizzato nel tanden, gli occhi socchiusi guardano un punto un po’ distante.

La respirazione è attraverso il naso, la bocca chiusa, con la punta della lingua che tocca il palato nella parte posteriore dell’arcata dentale superiore.

Quando ci si rialza dal seiza, si deve sollevare per primo il ginocchio destro.

La pratica del Seiza è un esercizio progressivo. Richiede tempo, pazienza.

Pian pian il respiro si approfondisce, il corpo si rilassa, la semplicità si unisce  alla naturale sacralità del vivere quotidiano.

Buona pratica!

ISCRIVITI

PER RICEVERE RISORSE GRATUITE

OFFERTE RELATIVE AI NOSTRI SERVIZI

Articoli dal Blog

Come avere fiducia in se stessi e scoprire la propria forza

Come avere fiducia in se stessi e scoprire la propria forza  “La fiducia è la sensazione di certezza o convinzione che le cose possano svolgersi in un contesto affidabile di ordine e integrità” (Jon Kabat-Zinn). Spesso la vita ci pone di fronte a situazioni che non...

Shiatsu storia e origini, connessioni con l’Anma e l’Anpuku

SHIATSU STORIA E ORIGINI a cura di Patrizia Moschitti Immagine tratta dal testo Anpuku Zukai, Okuda Yasuke, Bunsei 10,1827Sono poche le fonti documentate che parlano della storia e origine dello Shiatsu, delle sue connessioni con la storia dell'Anma, delle confluenze...

Gestire le emozioni attraverso il corpo

Gestire le emozioni attraverso il corpoQuando pensiamo a come gestire le emozioni, soprattutto quelle negative, spesso diamo inizio ad un dialogo interiore, fatto di riflessioni mentali. Il più delle volte non teniamo conto di come sentiamo e percepiamo il nostro...

Shiatsu e la posizione Seiza e il Wu wei

Shiatsu in Seiza Shiatsu e la posizione SeizaDurante la pratica dello Shiatsu una delle prime cose con la quali si familiarizza è la posizione Seiza, che racchiude in sé i valori di rispetto, sacralità, quiete, prontezza. Essere consapevole di questi significati è, a...

Seiza, la posizione seduta tradizionale Giapponese

Seiza la posizione seduta tradizionale GiapponeseSeiza è il modo tradizionale giapponese di sedersi a terra,  poggiando le ginocchia sul tatami o zabuton (cuscino tradizionale giapponese). Ogni occidentale che abbia seguito pratiche come l’Aikido, il Kendo, la...

Come calmare l’ansia? Rispettando i segnali del corpo

ANSIA  Come calmare l'ansia e vivere più serenamente? La risposta arriva dal corpoCome calmare l'ansia è un argomento che tocca da vicino molte persone a causa delle condizioni di vita stressanti, della velocità dei cambiamenti che siamo chiamati a fronteggiare e che...

La comunicazione non violenta per superare l’insoddisfazione

La comunicazione non violenta per superare l'insoddisfazioneLa comunicazione non violenta è uno strumento che ti insegna ad esprimere in modo efficace emozioni e bisogni. In questo senso aiuta a superare l'insoddisfazione e a costruire relazioni collaborative, basate...

Insoddisfazione, come trasformarla con il Focusing!

INSODDISFAZIONE Come superarla e trasformarla in una risorsa per lo sviluppo lavorativo, affettivo, personale. Secondo uno studio dell'Istat del 2019, solo il 43,2% della popolazione si dichiara soddisfatto della propria vita. Sarai quindi d'accordo con me che...

Mal di schiena, hai mai provato lo Shiatsu?

LO SHIATSU PER IL MAL DI SCHIENASoffri di mal di schiena? Hai mai provato lo Shiatsu? Lo Shiatsu agisce in maniera efficace sulle tensioni muscolo-scheletriche e sui dolori articolari. In caso di mal di schiena lo Shiatsu ha un effetto delicato e graduale sul corpo....

I sei passi del Focusing, la guida base per cominciare!

I SEI PASSI DEL FOCUSING, UNA GUIDA PER COMINCIARE!Eugene Gendlin, fondatore del Focusing ha individuato i cosiddetti "sei passi del Focusing": gli step attraverso i quali si sviluppa il processo.  Il Focusing è una tecnica sistematizzata a partire dall'osservazione...

DOVE SIAMO

Roma

Zona Baldo degli Ubaldi

Raggiungibile con Metro A,

Ferrovia FL3 – Autobus 490-495

 

Si riceve su Appuntamento

Tel. 391.7209484

Orari 

Lun-Ven: 10.00-18.00
Saturday: 10.00-13.00